Come scegliere un bidone aspiratutto?

Indice:

  1. Come scegliere un bidone aspiratutto?
  2. Bidone in plastica o in acciaio inox? Qual è la differenza?
  3. Come funziona un bidone aspiratutto? Quali caratteristiche devono avere?
  4. Con sacchetto o senza? Il filtro si può lavare?
  5. Aspiratutto a batteria?

Come scegliere un bidone aspiratutto? Bidone in plastica o in acciaio inox? Con o senza sacchetto? Il filtro si può lavare?

Entriamo nel dettaglio rispondendo alle domande che spesso ci vengono fatte da moltissimi clienti, che cercano la soluzione migliore, senza spendere un occhio della testa e per non ritrovarsi con un prodotto non idoneo.

Iniziamo col dire che un bidone aspiratutto nasce per risolvere problematiche di sporco di grossa entità, ma ad oggi vengono utilizzati in tutti i campi, per questo motivo troviamo moltissimi bidoni con caratteristiche, dimensioni e prestazioni differenti.

Come scegliere un bidone aspiratutto?

Per prima cosa, esistono bidoni aspiratutto per casa, auto, magazzini, aziende e industrie di grandi dimensioni.

Dopo aver chiarito in che ambiente verrà utilizzato, passiamo al tipo di sporco che bisognerà asportare e la sua quantità.

Infatti, i bidoni aspiratutto possono aspirare solidi e liquidi, di piccole o grandi entità, che siano perdite improvvise di acqua nella propria abitazione o polveri dopo ristrutturazioni, il bidone aspiratutto è di grande aiuto anche per queste emergenze.

Bidone in plastica o in acciaio inox? Qual è la differenza?

Detto ciò, esistono due tipi di bidoni, in plastica e in acciaio inox, qual è la differenza fra i due?

Il bidone in platica a parità di capienza con quello inox, è il più economico, oltre questo, la sua convenienza sta nel fatto che per aspirare liquidi è l’ideale, può essere utilizzato per anni, ritrovandosi un bidone aspiratutto sempre in ottime condizioni.

Le pareti del bidone in plastica sono completamente lisce e di facile pulizia.

Il bidone in acciaio inox si presenta meglio a livello estetico, ma ha un costo maggiore e non permette per lunghissimi periodi di aspirare liquidi, infatti il bidone potrebbe arrugginirsi nel tempo.

I motori di entrambi sono identici, e non vi è nessuna differenza.

Quindi, al di là dell’estetica è più conveniente avere in casa un bidone in plastica.

Come funziona un bidone aspiratutto? Quali caratteristiche devono avere?

Passiamo al loro funzionamento, vediamo come utilizzarli al meglio sfruttando al massimo le loro capacità.

I motori dei bidoni aspiratutto per uso domestico hanno una potenza che varia da 1200 W fino a 1600W, quelli utilizzati per uso industriale invece, variano da 1600W a 3700 W dove, la potenza di due o tre motori favorisce prestazioni elevate per asportare sporco abbondante.

Se dovessimo aspirare polveri da pavimenti di casa utilizzeremo un bidone aspiratutto con un motore da 1200 W e un recipiente in plastica, poiché è fra i più economici e garantisce una buona pulizia delle superfici. E’ molto resistente agli urti, di facile pulizia interna.

Sappiamo inoltre che, la polvere trovata in casa non sarà parecchia da dover aspirare, pensare quindi di acquistare un bidone aspiratutto di grandi dimensioni, non è la scelta migliore, basterebbe utilizzare un bidone che va dai 15 litri ai 30 litri max.

Se invece ci sono esigenze che vanno oltre le mura domestiche, parliamo di grandi magazzini, capannoni industriali ecc.

Troviamo bidoni aspiratutto con caratteristiche e fasce di prezzo differenti.

Questi, vengono chiamati bidoni aspiratutto industriali, poiché garantiscono elevate prestazioni e in termini di ore consecutive di lavoro sono nettamente migliori.

Di solito montano da 2 a 3 motori elettrici, con accensione asincrona, facendo in modo di gestire la potenza in base l’esigenza.

I bidoni aspiratutto industriali sono tutti in acciaio inox e le dimensioni dei bidoni vanno da 30 fino ad una capienza di 80 litri circa.

I bidoni aspiratutto sono dotati di accessori standard in base al modello scelto e la marca, ma è possibile quasi sempre, acquistarne molti altri separatamente.

I piccoli bidoni aspiratutto per uso domestico hanno in dotazione una spazzola per pavimenti secco/umido, spazzola per tappeti e poltrone, bocchetta per fessure e filtro aspirazione.

Questi ci permettono di effettuare già un buon lavoro, infatti se si ha la necessità di aspirare sporco da una poltrona, tappeti, moquette o sedili dell’ auto, si utilizza la spazzola con bocchetta larga a setole morbide.

Una chicca degli aspira solidi e liquidi è quella di poter rimuovere l’occlusione dello scarico del lavandino, questo è possibile ottenerlo grazie ad un accessorio (Ventosa sturatubi) che solitamente viene acquistato separatamente. La ventosa è in grado di ripulire accuratamente il tubo senza lasciare residui, ed è perfetto per ogni tipo di scarico.

Quindi, se state cercando un modo per liberare le tubature dei vostri scarichi, potete farlo con il vostro aspiratutto, collegandogli semplicemente la ventosa.

Per chi tiene alla pulizia mentre si effettuano lavori di fai da te, è possibile utilizzare altri accessori, come l’adattatore d’aspirazione per elettroutensili e il raccogli polvere da foratura.

Con sacchetto o senza? Il filtro si può lavare?

Di sacchetti ne esistono due modelli, quello in carta e quello in stoffa lavabile, la loro differenza sostanziale sta nel fatto che uno è usa e getta e l’altro no.

Ma con sacchetto o senza? Il sacchetto permette all’aspiratutto di aspirare i solidi (polveri) e trattenerli al suo interno, facendo in modo che non vi siano fuoriuscite nell’ambiente circostante.

Non è però possibile aspirare solidi di grosse dimensioni, poiché riempirebbero immediatamente il sacchetto o lo bucherebbero.

Ecco perché nella pulizia più intensa dopo una ristrutturazione in casa, il sacchetto va tolto, dando la possibilità allo sporco di andare direttamente all’interno del bidone.

Il filtro funge da protezione al motore del vostro bidone aspiratutto, facendo si che non vi arrivino detriti che possano romperlo.

Il consiglio è quello di utilizzarlo quando non viene messo il sacchetto di carta o stoffa.

Il filtro si può lavare? Si, è possibile lavarlo accuratamente con acqua corrente, togliendo fino in fondo lo sporco incrostato che si deposita nelle fessure. Dopo averlo lavato, bisogna asciugarlo prima del suo riutilizzo. 

Aspiratutto a batteria?

Si, da qualche anno ormai hanno preso sempre più piede gli aspirapolveri e aspiratutto a batteria, nonostante ci sia ancora molta diffidenza, sempre più persone si stanno avvicinando a questa tecnologia.

Dyson ha dato una spinta a questo mercato, che oggi è in forte crescita, e grazie al passa parola, la gente ha riconosciuto le potenzialità della batteria, che non è più quella di 10 anni fa. Infatti sono stati fatti passi da gigante, migliorando la qualità e la durata in termini di autonomia di ogni batteria, senza tralasciare la potenza.

Grazie alle batteria agli Ioni di Litio, si possono svolgere lavori che fino a poco tempo fa non era possibile fare, come ad esempio, pulire casa allo stesso modo che si fa con una tradizionale aspirapolvere a filo senza perdere la stessa potenza.

Le migliori aspirapolveri/scope elettriche senza filo sono Dyson V8, V11, V15 Detect con il sistema ciclonico, Rowenta RH6838X, Hoover H-Free100, Black e Decker, Bosch, Einhell.

Passiamo adesso agli aspiratutto a batteria che grazie a questo sistema stanno dando ottimi risultati anch'essi. Vediamo infatti come funziona un aspiratutto per solidi e liquidi a batteria.

E' possibile scegliere due tipi di aspiratutto, quello con batteria singola da 18V o doppia batteria che genera una potenza maggiore, ovvero di 36V.

La differenza sostanziale quindi sta che con la doppia batteria ho una maggiore potenza, escludiamo però l'autonomia, perché quella è data dagli Ampere-ora.

Come funziona l'autonomia di una batteria a litio? in termini di ore si intende.

E' veramente difficile stabilire quanto possa durare una batteria collegata ad un attrezzo, poiché le varianti possono essere tante, facciamo un esempio pratico.

Se collegassimo una batteria da 4ah su una smerigliatrice con alto numero di giri, tenendo sotto sforzo per diversi tagli su ferro. avremmo un consumo molto veloce, scaricandola anche in pochi minuti.

Ma se la stessa batteria da 4Ah la collegassimo su un aspirapolvere avremmo una maggiore autonomia, facendola durare anche "ore". 

In commercio esistono batterie che vanno da 1,5 Ah fino anche a 15 Ah, ma non tutte le case produttrici delle vostre attrezzature le utilizzano, poiché molte volte si fermano a 6 Ah su attrezzature per il fai da te, mentre per attrezzature professionali arrivano anche a 15 Ah.

Ma la loro scelta è data maggiormente dai costi, perché una batteria a litio non ha certamente un costo irrisorio, quindi si cerca di bilanciare il valore delle batteria con il tipo di attrezzatura.

Ad oggi possiamo fidarci di utilizzare anche un bidone aspiratutto per solidi e liquidi senza la paura di rimanere fermi, anche perchè quasi sempre si sceglie di acquistare qualche batteria in più di scorta, per poter caricare quelle scariche mentre quella carica fa il suo lavoro. Per questo ormai anche i caricabatteria diventano ultra rapidi nella ricarica delle batteria completamente scariche.

Perché l'aspirapolvere butta fuori la polvere?

Quando mettiamo in funzione il bidone aspiratutto capita che dalla parte superiore esca molta polvere, questo problema è dato dal fatto che il filtro all'interno è completamente sporco, e non riuscendo a filtrare l'aria getta tutta la polvere dalla parte soffiante.

Basta smontare il filtro, soffiandolo delicatamente con aria compressa o lavandolo sotto acqua corrente, ricordandosi però prima del montaggio di farlo asciugare bene, il problema è risolto!

Related products

Consenso cookie